CRISTIAN TORSIELLO CHEF PER UN’ORA A “LIBANDO, VIAGGIARE MANGIANDO”

Sarà lo chef neo-stellato Michelin Cristian Torsiello, dell’Osteria Arbustico di Valva (Sa), ad inaugurare, venerdì 15 aprile alle ore 10.30 in piazza Cesare Battisti, la lunga serie di Masterclass organizzate per questa terza edizione di “Libando, Viaggiare Mangiando”, il festival del cibo di strada che si svolgerà a Foggia dal 14 al 17 aprile.

Qui di seguito, una sua breve scheda di presentazione.


Osteria Arbustico, Valva (Sa)
Osteria Arbustico, Valva (Sa)

Cristian Torsiello

Dice di se stesso:

Da Niko Romito mi sono formato, sono stato con lui sette anni, i primi della mia carriera, quelli fondamentali. Nino Di Costanzo mi ha insegnato ad essere rigoroso, preciso ed organizzato. Gennaro Esposito per me ha rappresentato l’espressione della praticità, della concretezza e della schiettezza, sia nella vita, sia per ciò che concerne i sapori. Mauro Uliassi mi ha regalato un pizzico di estrosità, quella che non guasta mai, soprattutto nel nostro lavoro. Valeria Piccini mi ha preso per mano sottolineando l’importanza dei valori, del gruppo e della famiglia intesa dal punto di vista professionale, di lei posso dire che è stata la mia “mamma in cucina”.


Dicono di lui: 

L’Osteria Arbustico, il locale gestito dalla famiglia Torsiello, propone una cucina del territorio solida e ben presentata. Cristian, lo chef, ha i piedi ben piantati nella sua terra e lo sguardo rivolto al futuro. È uno chef ambizioso e determinato. Vuole crescere nel suo paese per quanto sia faticoso e difficile. Ha scelto una strada in salita e lo si comprende facilmente arrivando all’Arbustico attraverso i borghi della valle del Sele. Ovunque la vita scorre placida, immersa nella silente campagna che è tutta un susseguirsi di muretti in pietra, ulivi, viti e galline razzolanti. Gli unici fermenti provengono dalla pasta acida impiegata per la lievitazione del pane. 

Cristian è giovane, è un dato di fatto, ma impiega le tecniche moderne di preparazione con navigata maestria. Ha la capacità di piegarle alle proprie esigenze culinarie. Niko Romito, suo mentore, deve avergli insegnato alla perfezione l’arte e la disciplina della cucina. Tutti i piatti, ricchi di colori e spesso minimalisti nella presentazione, raccontano i paesaggi e la vita di Valva. Come tante cartoline catturano, emozionano e fanno sognare. A coronamento della gaudente esperienza valvese, l’impagabile vista sui monti Picentini che si gode direttamente dai tavoli attraverso una larga finestra che è più di una cornice.  


Cristian Torsiello, Gamberi Pesche e Mandorle (ph A. Sapere)
Cristian Torsiello, Gamberi Pesche e Mandorle (ph A. Sapere)

Curiosità:

Tra i ragazzi che fanno parte della brigata di cucina dello chef Cristian Torsiello, vi è anche una giovane promessa della nostra terra, il lucerino Salvatore Pacifico, che, dopo le esperienze “stellate” con gli chef Frank Rizzuti a Potenza e Felice Lo Basso a Milano, è approdato da alcuni mesi all’Osteria Arbustico di Valva (Sa). Quella di Salvatore Pacifico è una storia professionale costruita passo dopo passo, segnata dalla profonda passione per la cucina e tutte le sue più moderne tecniche di preparazione. Seppur ancora cosi giovane, è anche su di lui che si fondano molte delle certezze legate al prossimo futuro “gastronomico” di questa provincia. Io ne sono più che convinto. 


 

Salvatore
Salvatore Pacifico durante la scorsa edizione di “Festa a Vico”

12512658_603799139793287_1560860924684376104_n

Lascia un commento